Ultimate magazine theme for WordPress.

Elettrostimolatori: funzionamento e scelta

5

Negli ultimi anni si è parlato molto di elettrostimolazione, soprattutto perché tale pratica, prima esclusiva del campo medico e medico-sportivo, adesso è davvero alla portata di tutti. Il meccanismo di elettrostimolazione è stato reso sicuro e accessibile a chiunque, con programmi specifici per qualsiasi esigenza. Ma di cosa si tratta esattamente?

L’elettrostimolatore è un apparecchio al quale sono collegati elettrodi ed eventualmente provvisto di fasce per mantenere gli elettrodi ben aderenti al corpo. Attraverso gli elettrodi, poggiati sulla pelle, vengono trasmessi impulsi elettrici di bassa o media intensità che vanno a stimolare la contrazione delle fibre muscolari.

In campo fisioterapico l’elettrostimolazione ha principalmente uno scopo riabilitativo, per muscoli fermi da molto tempo o che hanno perso volume dopo uno stop forzato. Se parliamo invece di bellezza e benessere, l’elettrostimolatore è un ottimo coadiuvante nella definizione della linea, aiuta a rassodare e combattere la cellulite ed il ristagno di liquidi.

Come funziona l’elettrostimolatore?

Come detto in precedenza, l’elettrostimolatore funziona tramite gli elettrodi ad esso collegati, che trasmettono gli impulsi al muscolo.

  • E’ di fondamentale importanza sapere dove posizionare esattamente gli elettrodi: per questo motivo ogni modello è accompagnato da una serie di illustrazioni che spiegano nel dettaglio l’utilizzo dei programmi ma anche il preciso collocamento degli elettrodi.
  • Molta importanza ricopre anche l’intensità dell’impulso elettrico: se hai già una certa dimestichezza con con gli apparecchi per l’elettrostimolazione puoi andare sicuro e selezionare il programma che preferisci. Se invece sei alle prime armi il consiglio è quello di partire sempre con le frequenze più basse, in modo da prendere confidenza con l’apparecchio ed abituarti alla sensazione, che inizialmente ti potrà sembrare strana. Dopo di che potrai man mano aumentare intensità e scegliere il programma che preferisci in base alle tue esigenze.
  • E’ possibile anche regolare, oltre all’intensità, ovvero con quanta forza desideri che il muscolo si contragga, anche la frequenza e la durata della contrazione. Anche in questo caso è sempre consigliato impostare il livello più basso per poi aumentarlo gradualmente o in base all’attività che desideri praticare.

In ogni caso, prima di buttarti sull’utilizzo dell’elettrostimolatore, è bene leggere attentamente istruzioni e programmi: in questo modo avrai chiare tutte le informazioni generali sul prodotto ma anche un’idea chiara sui programmi e quindi i benefici che potrai ottenere. Basilare, per questo tipo di prodotti, scegliere sempre macchinari sicuri e certificati, controllando recensioni ed opinioni, come quelle che trovi su www.elettrostimolatoreclick.com.

Come scegliere l’elettrostimolatore giusto?

La scelta dell’elettrostimolatore deve essere ragionata: sul mercato sono presenti davvero tantissimi tipi di elettrostimolatori, con prezzi a volte molto differenti tra di loro, il che dipende dalla qualità ma anche dalle funzioni e dai programmi disponibili. Fare affidamento sul prezzo è però errato, sia nel caso tu voglia risparmiare puntando sul più conveniente, sia nel caso tu voglia un elettrostimolatore di qualità puntando su quello con prezzo più alto. La scelta deve essere fatta prima di tutto in base alle caratteristiche.

Inoltre, è possibile distinguere gli elettrostimolatori in tre categorie distinte:

  • elettrostimolatori a corrente EMS, i quali inducono una contrazione molto simile a quella naturale e sono particolarmente indicati per chi ha bisogno di fare riabilitazione.
  • elettrostimolatori a corrente TENS (ovvero Transcutaneous Electrical Nerve Stimulation), sono elettrostimolatori a bassa frequenza che sono invece utili per contrastare i dolori.
  • elettrostimolatori combinati, i quali invece inglobano entrambe le tipologie sopra descritte.

Ricorda che gli elettrostimolatori di qualità medio-alta hanno in genere tre tipologie di programmi: riabilitativi, sportivi ed estetici. Se sei disposto a fare un buon investimento e hai la necessità di avere a disposizione tutti e tre i programmi, questa è sicuramente la tipologia da scegliere.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy