Ultimate magazine theme for WordPress.

Le cause principali dei dolori intercostali da non sottovalutare

14

Gli ipocondriaci probabilmente non avranno bisogno di raccomandazioni ma in molti, spesso e volentieri, sottovalutiamo i dolori e le fitte del nostro corpo, quelle improvvise e che poi passano, ripresentandosi magari a distanza di qualche giorno. “Sarà lo stress, le variazioni climatiche, qualche spasmo passeggero” sono queste le rassicurazioni che ci diamo per non dar peso, volontariamente, a quello che però potrebbe essere un vero e proprio campanello d’allarme.

Esistono dei casi in cui questi campanelli possono essere davvero trascurati ed altri in cui faremmo invece bene a dedicare un po’ di attenzione in più al nostro corpo ed ai segnali di SOS che ci invia.

Il web ormai è una fonte inesauribile di consigli e basta fare una piccola ricerca con le parole chiave del sintomo per capire se dobbiamo preoccuparci o meno, fermo restando che non bisogna mai sostituire il parere del medico per nessun motivo. Su questo articolo di Fidelity Donna, ad esempio, viene analizzato il dolore intercostale e tutte le sue possibili cause.

Proviamo, dunque, a riassumere brevemente di cosa si tratta e quali sono i rimedi principali in caso di fitte intercostali.

Le principali cause

Partiamo da quella che è senza alcun dubbio la causa di questo dolore più temuta: l’infarto. Le fitte intercostali, se di una certa entità e localizzate sul lato sinistro, possono infatti essere i sintomi di questo gravissimo problema di salute ed è evidente che non bisogna sottovalutare ogni minimo segnale e rivolgersi subito ad un medico.

Il dolore intercostale non è localizzato solo ad un’area ristretta ma riguarda tutto il torace, il seno, la schiena comprese scapole e sterno. Varia anche la frequenza con cui può essere avvertito: in alcuni casi è sporadico, in altri è intermittente ma frequente, in altri ancora è un dolore continuo e fastidioso.

Fra le varie cause vanno sicuramente citate: l’infiammazione dei nervi, infiammazione della cartilagine, la neurite, la compressione nervosa, stiramenti, strappi muscolari localizzati, frattura o incrinatura di una o più costole. Ed ancora in misura minore anche lo stress e i dispiaceri, oltre agli sbalzi climatici possono causare le fitte alle costole, così come sforzi durante gli allenamenti sportivi.

Come si può ben notare, le patologie correlate alle fitte intercostali sono talmente varie che è sempre meglio consultare un medico per avere la certezza assoluta che tutto vada bene. Va ribadito, infatti, che la prevenzione è l’arma migliore contro ogni malattia.

Chi può soffrire di dolore intercostale

Sebbene il problema possa riguardare tutti, di qualunque età e senza distinzione di genere, va sottolineato che alcune tipologie di soggetti sono maggiormente predisposti a soffrirne ed in particolare: gli anziani, chi soffre di ernie discali, fumatori, chi soffre di malattie polmonari e gli sportivi.

Cure e rimedi

Per poter conoscere la cura ed il rimedio per le fitte intercostali, bisogna prima scoprirne la causa. In alcuni casi può, infatti, essere sufficiente un analgesico o un anti infiammatorio. In altri casi può addirittura essere necessario un intervento chirurgico.

Se siete consapevoli di aver svolto una particolare attività sportiva, potete ricorrere a dei rimedi naturali come una borsa dell’acqua calda sulla parte dolorante oppure dei massaggi con creme lenitive a base di artiglio del diavolo o arnica.

Se il dolore è legato, ad esempio, ad una postura scorretta dovreste rivedere le abitudini soprattutto davanti al pc. Inoltre, chi fa un lavoro sedentario può fare degli esercizi particolari per il benessere generale dell’organismo.

Se il soggetto invece soffre di particolare patologie, soprattutto se legate al cuore, bisogna immediatamente contattare un medico.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More

Privacy & Cookies Policy